Home » CONTEMPORARY ARTISTS GALLERY » Salvatore Romano

Salvatore Romano

Salvatore Romano * L'unicorno nero

Salvatore Romano  *  L'unicorno nero - WOODNS
 
 
 
Salvatore Romano nasce a Palermo nel 1957. Nella stessa città frequenta sia l'Istituto Statale d'Arte che l’Accademia di Belle Arti del corso di Pittura. Nel 1981, subito dopo aver conseguito il diploma dell'Accademia di BB.AA. si trasferisce a Firenze. Attualmente vive e lavora in San Piero a Ponti, Campi Bisenzio (FI) 

Tra le numerose mostre Collettive, mostre Personali, eventi artistici, pubblicazioni su libri e riviste specializzate e interviste televisive alle quali ha partecipato si ricorda:

- Centro Provinciale di Palermo dell'Ass. Naz. "Granatieri di Sardegna", 1° Collettiva d'Arte "Granatieri di Sardegna" - Palermo, 13 Novembre 1976;

- Città di Viareggio - 7° Concorso Nazionale di Pittura e Grafica Viareggio-Collezione "76" - Viareggio 20 Novembre 1976;

- 7° Premio Nazionale di Pittura e Grafica "Colori d'Inverno 1977 - Viareggio, 12 Febbraio 1977;

- 25 Gennaio 1980 mostra personale ad Arte Viva di Palermo;

- Centro Culturale "Europa" Mondello - 4° Mostra Nazionale di Arte Figurativa, Luglio 1980;

- La voce di Caccamo - Marzo 1980 di A.Vazzano;

- Il Domani, 14 Febbraio 1980, di A.Di Bianca Greco;

- UNI'IDEA, Salvatore Romano a "Arte Viva…", 1980…;

- Palermo Gennaio 1980, dedica del poeta Giacomo Giardina;

- Il Diario "Arte" giovedì 14 febbraio 1980, “Contiamo i pittori palermitani”, Palermo 1980;

- Giornale di Sicilia, Palermo Venerdì 1 febbraio 1980 G.S.;

- L'ORA, martedì 29 Luglio 1980, Palermo 1980;

- Il Diario Arte, giovedì 17 gennaio 1980, “Romano alla Giada” di Toti Garraffa, Palermo 1980;

- Salvatore Romano, Mostra Personale gennaio 1981 alla Galleria Arteviva di Linee d'Arte Palermo;

- Centro Culturale dell'Opera Universitaria di Palermo Giovani incisori dell'Accademia di BelleArti Palermo gennaio 1981;

- Febbraio 1980, Mostra di prodotti indiani per aiutare i bambini del Terzo Mondo c/o Galleria Arteviva, Palermo.
 

Aracne

Aracne - WOODNS

 



...Voglio dire prima di tutto, come vedo la figura dell'artista. Secondo me è da smantellare, da distruggere l'idea dell'artista che si siede a tavolino mezz'ora al giorno; ti fa il bel disegnino, il bel quadro e poi ripiglia all'indomani alla solita mezz'ora. L'artista è colui che attimo per attimo vive la sua vita attraverso le proprie opere; opere sudate, sofferte...

Aretusa

Aretusa - WOODNS

Labirintiche ninfe

Labirintiche ninfe - WOODNS

 

...le sue eroine sono «un poco osées, ma non troppo audaci, più turbate che turbanti». Si assiste a una felice mescolanza di surrealismo e di erotismo intimista...

The Isle of the Dead - L'isola dei morti

The Isle of the Dead  -  L'isola dei morti - WOODNS

 

Il suo rimane un realismo-surrealista ed un surrealismo-realista

www.salvatoreromano.eu

www.antonioboffa.altervista.org/home.html 

www.anielloscotto.it

www.alessioromano.eu

www.bluteam.net

www.nicoladeluca.it

www.comanducci.it

 

<<< Andri Sergiou - Youssef  Sadek >>>

  

Terracina, 10-17 agosto 2019 ,

Terracina, 10-17 agosto 2019 , - WOODNS

Evento da non perdere ! Espongono , Nadia Turella e Giovanna Sacchetti , due artiste contemporanee i cui lavori si ispirano , a svariate tematiche ,imbibite di presente. Argomenti e questioni, di carattere morale ed attuale che pur non volendo, ci riguardano e ci sfiorano da vicino in codesto tempo ed in questo nostro cammino. Nadia , ci guida e ci conduce con le significative e bellissime opere, attraverso mondi antitetici . Terre nelle quali , si contrastano elementi come, l ‘amicizia ed il bullismo , il diritto all’infanzia e la violenza su donne e bambini , il discriminante colore della pelle e la bellezza dei colori di madre natura ed il suo rispetto . Giovanna con i suoi incantevoli lavori ci accompagna e ci guida nel suo mondo fatato, costituito da alberi e figure , da lei definite” angeliche “ che ci parlano delle emozioni ,della solitudine , della rabbia e protestano contro ogni forma di violenza. La sua missiva figurata , ci esorta a comprendere che siamo un tutt’uno e dobbiamo vivere in armonia con tutto,rispettando gli atri esseri. Quindi il messaggio di entrambe racchiuso nel titolo della mostra è ”Oltre “ come un desiderio … Perché c’è sempre speranza che tutto migliori. F.B.W.

WOODNS