Marco Landi

Marco Landi, "Sono fatto di luce, sono fatto di stelle"

Marco Landi, "Sono fatto di luce, sono fatto di stelle" - WOODNS

 

"Un giorno mentre dormiva in una grotta , sognò di vedere il proprio corpo addormentato. Uscì dalla grotta in una notte di luna nuova . Il cielo era sereno  e c’erano milioni di stelle . Poi gli accadde qualcosa che trasformò la sua vita per sempre ... 

Non luogo 70x90 r

Non luogo 70x90 r - WOODNS

 

...Si guardò le mani , sentì il proprio corpo e udì la propria voce dire : “Sono fatto di luce sono fatto di stelle"...

Fili di rame

Fili di rame - WOODNS

 

 …Guardò di nuovo le stelle e si rese conto che non sono le stelle a creare la luce , bensì è la luce che crea le stelle...

 

 

 

Marco Landi ,artigiano, ebanista, digital painter. Nasce a pontedera (PI) nel 1966 .Per comprendere parte della sua arte e del suo massaggio, possiamo rifarci alla descrizione  del  critico Atena Cavallari  :  " Marco Landi dipinge con tecnica certo elevata e questo è un dato evidente; una  manualità consapevole e militante è ben presente nella resa e nei significati di ogni soggetto prescelto. Sarebbe tuttavia un errore pensare che il suo lavoro sia frutto del solo talento, così come analogo azzardo sarebbe presumerlo esito di un processo naturale e senza dubbi. Artista poliedrico di temperamento eclettico e inquieto, Landi si spinge in varie direzioni. Nato maestro ebanista-intagliatore, con la medesima dedizione e trasporto, ha conquistato progressivamente coscienza e capacità di esprimersi attraverso la grafica e la pittura digitale. Un'urgenza, quella della ricerca di nuovi linguaggi, per indagare un universo più vasto in una consapevolezza delle origini che è soprattutto scelta di una posizione nel mondo. Landi esercita la pittura digitale con ponderatezza e disciplinato coinvolgimento passionale, i suoi scatti fotografici sono la sorgente da cui fluisce una complessa manipolazione che non ha mai fretta di essere fissata. Un procedere quasi arcaico di tecnologia e precisione che incarna, trattiene e irradia un saldo impianto morale e un malcelato lirismo autobiografico. Conduce la propria ricerca facendola interferire con il teatro, la danza e la poesia, esplorando in profondità i rapporti tra cultura e immagine contemporanea. Una parola chiara riecheggia con insistenza nel lavoro di Landi: “teatro”, inteso sia come theatrum mundi che come teatro della memoria. L'autore non finge: il suo è un lavoro onesto, lo specchio di una coscienza di acuta e intensa sensibilità, che avverte la violenza della Storia e nella logica dell'abstractio ne denuncia il giogo. Landi sviluppa una complessa riflessione critica sulle latenti e visibili dinamiche all'interno della struttura socioculturale consolidata, muovendosi tra affondi autobiografici e spunti di carattere generale. Viene spontaneo leggere la sua produzione come frammenti di una percezione intima che giunge a dimensione universale evitando l'arroganza di un unico senso. L'artista ricorre ad una forma di linguaggio che accentua il valore emotivo della comunicazione, la figurazione assume valenza simbolica, allusiva a risonanze o dissonanze esistenziali. Astrazione e figurazione si confrontano ed evidenziano la consapevolezza dell'artista rispetto all'autonomia del suo linguaggio espressivo ed emozionale; come pure il trattamento delle superfici sul fondo è una paziente tessitura di tracce, sono impronte del vissuto che affiorano come trame di antichi graffi, fratturate e corrugate come da atavici attriti. L'impatto visivo risulta forte, la pittura è pervasa di tensione e anticipa una deflagrazione dirompente. La pittura digitale di Landi sintetizza quello che si affaccia sulla scena dell'arte figurativa contemporanea, sempre alla ricerca di una medietà tra le strutture del profondo e i miracoli della superficie digitale. "

Danza plebea

Danza plebea - WOODNS

 

...“Tutto è fatto di luce “, disse ,” e lo spazio tra le cose non è vuoto”...Comprese che la percezione umana è la luce che percepisce altra luce e questa scoperta cambiò la sua vita…

 

 

 

 

Attività vitae

 

Selezioni premio  “Scamorzi” 2009
Concorso  “ Premio terna” 2010-2011
Concorso  “Colori in emersione” reggia di Caserta 2009-2010
Collettiva  “Bambole” Napoli 2010
Collettiva  “Liberamente”  Pomezia 2010
Mostra personale al “Teatro della regina”  Cattolica 2011
Progetto  “ New Code” Ferrara castello Estense, collettiva e selezione per gli artisti alla sesta biennale
internazionale d’arte contemporanea città di Ferrara 2012
concorso  “Premio terna”  2012

Perdendo la mia religione 90x135 rgb r

Perdendo la mia religione  90x135 rgb r - WOODNS

 

 

 

...Ora sapeva chi era veramente e , guardando gli altri uomini e la natura restò stupito di vedere se stesso in ogni essere vivente ed in ogni cosa.

 

 Tratto da "I quattro accordi" di Don Miguel Ruiz.

 

 By F.B.W.

 

www.equilibriarte.net/site/tenax

www.quaz-art.it

Web site official: www.avanguardiadigitale.com

E mail: tenaxlandi@gmail.com

 
<<< Luigi Fiorin  - Alberto Rizzi >>>

Jutta Brandt-Stracke

Jutta Brandt-Stracke - WOODNS

Il Maestro Angelo Lazzano , Presenta :

Il Maestro Angelo Lazzano , Presenta : - WOODNS

Ritratti Dedicati. (Serie limitata ) Vuoi far parte di questa preziosa collezione ? Puoi farne parte anche tu e se vuoi anche la tua famiglia ! Visita la mia pagina ,Clicca sul link!

Luigi Fiorin:Partecipa ad IX Expo Punta Arte 2017

Luigi Fiorin:Partecipa ad  IX Expo Punta Arte 2017 - WOODNS

Luigi Fiorin "La nascita di una nuova era " Visita la sua pagina .(clicca sul link )

Link

Link - WOODNS

Un blog - piattaforma, condiviso e collettivo, nato per configurare un altro sistema dell'arte attraverso una rappresentazione di rete fatta d'auto promozione e produzione tra artisti radicati nelle loro comunità, nessun filtro tra l'artista ed il suo pubblico.

Maurizio Caggiano "MAO"

Maurizio Caggiano "MAO" - WOODNS

Tra le varie forme d'arte , ne esiste una molto antica e nobile. Stiamo parlando della BOXE...

L'immortalità di un ritratto

L'immortalità di un ritratto - WOODNS

Marianna Mordocco, L' immortale ed indiscreto fascino del ritratto.

WOODNS