Home » Serie Scura - Commento » Prima che il gallo canti…

Prima che il gallo canti…

Prima che il gallo canti…

Prima che il gallo canti… - WOODNS




Il sesto pezzo  è  la tavola forse più imperscrutabile. Rappresentazione  che si offre ad una  vasta interpretazione ,poiché ricca di significati ,  palesi ed occulti. Il maestro  rappresenta qui,  a modo suo, quell’animale mitologico che trova spazio in ognuno di noi e che genera per estensione  i nostri sogni più reconditi . L’essere in questione è “ Chimera”. Creatura mitologica ed eterogenea ,descritta da Omero,con fattezze  di leone,capra e drago. Il nostro interesse  più che formale è speculativo .E per fare ciò  e rendere l’idea su cosa stiamo cercando, non vi è definizione migliore di quella che fa la  Morel nel suo particolare dizionario dei simboli : “Mostro ibrido,Chimera è il simbolo dell’irrealtà e della pericolosità delle fantasie e delle illusioni. Evocando le creature fantastiche generate dall’inconscio,il termine “chimera “ passato nel linguaggio corrente ,designa l’immaginario opposto al reale .Esso esprime il pericolo di prendere i propri sogni per delle realtà,di credere alla facilità dell’illusione ,per sfuggire a una realtà a volte difficile da sopportare”.Così ,Woodns col suo pennello e con le sue visioni oniriche assembla  la sua particolare creatura . Un essere ambiguo dal volto femminile , e  con accessori maschili e felini. La barba nera e folta  che incornicia il viso ed un pizzo bianco  triangolare   che sporge dal mento ,  bianche sono anche le vibrisse  da gatto che protendono  verso l’esterno. Il tronco è formato dal corpo di un uccello  ; questi sembra formare uno scialle  svolazzante  ed insieme  alla gonna  di piume di pavone ,conferisce al personaggio movimento .Un  andatura goffa  e leggiadra allo stesso tempo. Il  portamento  impacciato è dovuto a quel demone cornuto, che  il” curioso essere “ reca, come un  pesante fardello  dietro le spalle  incedendo  lungo un sentiero ,rappresentato in rosa. Procedendo   nel suo cammino ,incappa in un volto di pietra . L’ibrida  creatura ,sembra  essere di proposito  noncurante a questo incontro, e volge  volutamente  il suo sguardo ammaliatore verso noi , fingendo indifferenza nei confronti di quel masso scolpito . La scultura di pietra   è immobile ed orientata  ,verso quell’ indecifrabile  geroglifico innanzi a se. Una scritta arcana e di difficile interpretazione .  Questo tavoletta, dovrebbe  cronologicamente  trovare  posto  successivamente  al dipinto  “ Come vele nel mare della vita “ dove usciti indenni dalla lotta col  vorticoso mondo esterno , si inizia un nuovo conflitto , una nuova guerra  ,quella tra la proiezione dei sogni e la nuova condizione  ormai affermata della realtà. Pronti ad essere traditi e a tradire le nostre stesse illusioni. L’inganno o tradimento sotto tutti i sui aspetti è il tema manifesto di questa rappresentazione è messo in risalto anche dalla titolazione  stessa dell’opera. Opera che visti gli elementi ed i riferimenti contenuti in essa ,potrebbe benissimo  assumere  anche la connotazione di “ Tavola  Omerica” . Oltre al soggetto principale ,che è chimera scorporando la figura ,ci accorgiamo che il volto umano ed il tronco d’uccello ,presi insieme vanno a costituire un'altra creatura mitologica descritta dal narratore  nell’Odissea e cioè “ Sirena” . Per l’appunto prima dell’accezione popolare di donna dal corpo di pesce , le sirene venivano rappresentate  come donne uccello. Ammaliatrici ,e pericolose nel contempo, rappresentano la personificazione della tentazione. Ma l’ elemento più importante è proprio la rappresentazione del poeta greco,e cioè quella faccia  di pietra barbuta,che ricorda molto” il ritratto immaginario di Omero” riproduzione romana del II secolo d.c. ,conservato al Luovre”. Interessante è comprendere il significato etimologico del nome Omero: Esso deriva dal greco, ed è formato dalle parole “ o mè oròn”  e cioè “Colui che non vede” . In effetti questo aedo dalla biografia incerta, viene spesso considerato cieco. E la cecità nel mondo antico veniva associata alla sacralità ,alla profezia ed alla saggezza. Abbiamo  quindi appurato  ,come questo dipinto , sia  ricco di simboli e contenuti esoterici .Allegorie che in parte abbiamo preso in esame e disquisito ed altri tralasciato , come ad esempio  gli accessori del volto di chimera , la corona ,la livrea di piume di pavone  ,  la scritta  misteriosa che appare  in primo piano,ed anche quel grande masso figurato che punta lo sguardo verso il cielo, collocato al di sopra della testa omerica .Il motivo della nostra diserzione, è voluto .In “primis” perché l’argomento è troppo vasto per essere affrontato in questa sede. Si potrebbe scrivere un tomo su questo quadro; in seconda istanza perché  si vuole lasciare una porta aperta alla discussione ed alla soggettività  interpretativa. Per concludere possiamo  affermare che la palesata visione di questa incisione   mostra  ed ammonisce ,  su  come sia  facile prendere  abbagli ,attratti dalle illusioni ed esortati  spesse volte dalla vanità. 

 

F.B.W.

 

 

 

<<< Come vele nel mare della vita - Il salto >>>

 

 

                                                                                

Jutta Brandt-Stracke

Jutta Brandt-Stracke - WOODNS

Il Maestro Angelo Lazzano , Presenta :

Il Maestro Angelo Lazzano , Presenta : - WOODNS

Ritratti Dedicati. (Serie limitata ) Vuoi far parte di questa preziosa collezione ? Puoi farne parte anche tu e se vuoi anche la tua famiglia ! Visita la mia pagina ,Clicca sul link!

Luigi Fiorin:Partecipa ad IX Expo Punta Arte 2017

Luigi Fiorin:Partecipa ad  IX Expo Punta Arte 2017 - WOODNS

Luigi Fiorin "La nascita di una nuova era " Visita la sua pagina .(clicca sul link )

Link

Link - WOODNS

Un blog - piattaforma, condiviso e collettivo, nato per configurare un altro sistema dell'arte attraverso una rappresentazione di rete fatta d'auto promozione e produzione tra artisti radicati nelle loro comunità, nessun filtro tra l'artista ed il suo pubblico.

Maurizio Caggiano "MAO"

Maurizio Caggiano "MAO" - WOODNS

Tra le varie forme d'arte , ne esiste una molto antica e nobile. Stiamo parlando della BOXE...

L'immortalità di un ritratto

L'immortalità di un ritratto - WOODNS

Marianna Mordocco, L' immortale ed indiscreto fascino del ritratto.

WOODNS